Diverse escluse dalla Lega Pro, c’è la Maceratese

2030

Manca ancora l’ok dalla Lega ma i singoli club nella giornata di oggi stanno chiarendo la situazione sui loro siti uffciali; è praticamente certo che saranno diverse le escluse dal campionato di Lega Pro 2016-2017. Alle già “eliminate” Martina Franca, Virtus Lanciano, e Sporting Bellinzago che avevano di fatto rinunciato all’iscrizione, si sono aggiunte Casertana, Paganese, Pavia, Rimini ed a sorpresa anche la Maceratese. Al club della Tardella è imputato il superamento del rapporto tra costi rispetto e ricavi per circa 30.000 euro. Inattesi invece gli ok per Como e Carrarese due club sostanzialmente falliti in cerca di soluzioni societarie che potessero risolvere le questioni aperte. In B per ora escluso il Pisa.

Disperate le posizioni di Rimini e Pavia, poche chanche per la Paganese.

Entro il termine perentorio delle ore 19 di venerdì 15 luglio le società bocciate in prima istanza potranno presentare ricorso avverso la decisione negativa della Commissione competente. Le problematiche che hanno comportato la bocciatura dovranno essere necessariamente risolte. Per quanto riguarda i soli criteri infrastrutturali, la scadenza viene spostata a sabato 16 luglio. Dopo il deposito e l’esame dei ricorsi potrà essere definito dal Consiglio Federale – martedì 19 luglio  – il format definitivo della Lega Pro per la stagione 2016-2017 e, di conseguenza, potrà essere specificato il numero esatto di ripescaggi ammissibili ai fini del reintegro dell’organico federale (che dovrebbe completarsi entro il 4 agosto).

Il presidente della Lega Gravina ha confermato che il format sarà a 60 squadre, pertanto si preannunciano numerosi ripescaggi per completare l’organico.

Comments

comments

Condividi

LASCIA UN COMMENTO