Gli assurdi paradossi della Lega Pro, ridateci la Serie C!

1075

L’Italia è un paese difficile da capire ed in molti argomenti è il paese dei paradossi, a volte davvero assurdi e di complicata lettura e comprensione. Il calcio purtroppo non fa eccezione, soprattutto nelle categorie cosidette minori, Lega Pro compresa.

Mentre le squadre di calcio della terza divisione nostrana annaspano tra debiti, fidejussioni di dubbia provenienza e personaggi a dir poco grotteschi, (c’è perfino chi si presenta come presidente in due società differenti con due nomi diversi!) il presidente di Lega tale Gabriele Gravina insiste “il campionato sarà a 60 squadre“. Questo atteggiamento è al limite della follia, al momento probabilmente non si arriverà ad iscrivere 50 club, lo scorso anno era stata varata la riduzione a 54 iscritte, ed ora si ricomincia, certi che si troveranno team a sufficienza per copirire le carenze d’organico. Magari si finirà a carte bollate per stabilire quale formazione ripescare, visto che i criteri sono comunque labili e non troppo rigidi nell’interpretazione.

E mentre il Pavia fallisce dopo che i proprietari avevano promesso la Champion’s, il Lanciano scompare per precisa volontà della famiglia Maio, il Rimini sparisce perchè tradito dai Longo (sì, sempre loro!), il carrozzone del calcio di casa nostra va avanti, incurante dei fallimenti che ogni anno ormai sono a decine.

Nonostante tutto questo caos si continua a copiare il calcio dei “grandi”, nelle sue accezioni peggiori e quindi, via i numeri dall’1 all’11, sì alle maglie personalizzate, calendario spezzatino per il quale è necessaria un’agenda per capire quando gioca la propria squadra, penalizzazioni ogni anno che piovono e distruggono la classifica sul campo, ed infine un canale tematico a pagamento dove è possibile comprare la partita della propria squadra. Ciliegina sulla torta potrebbe essere la prossima ammissione in Lega Pro delle seconde squadre di Serie A, con conseguente aumento di partite di dubbio svolgimento tra scommesse e mancanza di stimoli. Ve la immaginate una bella partita Juventus B-Samb? Fantastica…ma per piacere!

Certo, la Samb è sempre la Samb per carità, ma anche se possiamo sembrare antiquati, fuori dal tempo, e forse anche un pò populisti, ci viene da dire ridateci la vecchia Serie C del calcio di una volta, con i numeri dal all’11, le partite tutte di domenica, i gironi nord-centro-sud, senza seconde squadre, e tv in streaming!

Comments

comments

Condividi

LASCIA UN COMMENTO