Con profonda stima, Avvocato Nucifora…

1437

Partiamo da un presupposto: ho profonda stima professionale dell’avvocato Nucifora e della sua storia pluridecennale del mondo del calcio, in pratica i suoi anni di carriera corrispondono quasi alla mia età anagrafica, perciò l’esperienza non gli manca, come non gli difettano capacità dialettiche fuori dal comune.

Va altresì detto però che alle volte il suo pensiero e le sue parole travalicano un pò il sacrosanto diritto di esternare le proprie opinioni personali, per diventare agli occhi di chi la ascolta un pò troppo presuntuose e saccenti. Non so quanti dei nostri lettori abbiano avuto modo di vedere la trasmissione in onda su Vera TV l’altro ieri sera, ma il nostro caro avvocato non ha mancato di manifestare, tra le righe, un certo disappunto per il calciomercato condotto fino ad oggi dalla famiglia Fedeli.

Ora, posto che le trattative si aprono ufficialmente il 1 Luglio, soffiare sul fuoco in una trasmissione televisiva,  dicendo che “non si possono prendere tutti giocatori in prestito” (quando non si conosce ancora la formula del trasferimento), che “Titone va via” (e allora? si prenderà un sostituto, lei ha venduto Schillaci…), quell’altro va via, o che far firmare a tutti i giocatori contratti di un solo anno non è il modo di fare calcio, ci pare un tantinello esagerato.

Perchè? Perchè le sue opinioni caro Avvocato possono essere tutte condivisibili o meno, ma in primis così facendo non si fa che alimentare un malcontento che non deve esistere visto l’ottimo lavoro fin qui svolto dagli attuali proprietari della Samb, e in seconda battuta, soprattutto, ritieniamo che la dirigenza rossoblù che tira fuori i soldi dalle sue tasche sia libera di operare come meglio crede, senza essere criticata ancora prima di cominciare a lavorare.

Saremo curiosi di ascoltare il suo parere dal 2 Settembre, a bocce ferme quando la Sambenedettese della stagione 2016-2017 sarà costruita e pronta a giocarsi la prima di campionato, ma ad oggi evitiamo commenti superflui sul nulla che possono accendere ancora di più muguni e lamenti di chi non si accontenta mai. Insomma, esprimere la propria posizione sì, ma quantomeno basandola su fatti concreti, perchè al momento il calciomercato è ancora quello che si fa tra amici sotto l’ombrellone…

PS: non conosciamo personalmente l’avvocato ed il nostro non vuole essere un rimprovero o un attacco di un professionista stimato e competente, gli chiediamo solo dal nostro piccolo, di giudicare l’operato della società alla fine del calciomercato!

Comments

comments

Condividi

LASCIA UN COMMENTO